CHIRURGIA PLASTICA ESTETICA

LIPOSUZIONE

La lipoaspirazione (o liposuzione o liposcultura) viene eseguita per asportare gli eccessi di tessuto adiposo localizzati in sedi diverse (fianchi, cosce, glutei, ginocchia, addome, caviglie, braccia, regione sotto mentoniera), al fine di migliorare il profilo corporeo.

Referente: Dottor Stefano Ciancia

Liposuzione Chirurgo plastico Cagliari | Wellssuite

COME SI SVOLGE LA VISITA

Al momento del colloquio di prima visita verranno illustrate tutte le informazioni di seguito riportate, in maniera più dettagliata ed esaustiva; verrà valutato il caso clinico, effettuate delle fotografie, proposta una strategia correttiva, analizzate le eventuali alternative ed illustrati in maniera accurata e chiara i rischi e le possibili complicanze della procedura chirurgica.

 

Nella stessa sede verranno prescritti tutti gli opportuni accertamenti ematici e strumentali ed eventuali visite specialistiche integrative che saranno ritenute utili per meglio definire i casi particolarmente complessi. Saranno quindi consegnati con congruo anticipo i moduli di consenso informato ed ulteriore materiale informativo, allo scopo di aiutarvi a prendere una decisione consapevole e offrendo la possibilità di ulteriori incontri preoperatori per dirimere ogni dubbio.

QUANDO PUÒ ESSERE NECESSARIA

Sebbene non sia un sostituto della dieta e dell’esercizio, la lipoaspirazione può eliminare i cuscinetti di grasso che non rispondono ai metodi tradizionalmente utilizzati per indurre il dimagramento. La liposuzione non è da considerare, nella maggior parte dei casi, un trattamento dell’obesità. I migliori candidati alla lipoaspirazione sono persone di peso normale con pelle tonica ed elastica, che presentano accumuli adiposi localizzati in alcune aree corporee.

QUALI SONO GLI OBIETTIVI DELL'INTERVENTO

Grazie all’esperienza maturata ed ai progressi tecnici, attualmente, la lipoaspirazione può essere eseguita con buoni risultati anche in persone modicamente in soprappeso, con accumuli più diffusi e con cute meno elastica.
È importante comunque essere in buone condizioni di salute ed avere aspettative realistiche.
L’età non ha un significato determinante di per se stessa, anche se è ovvio che nelle persone più anziane l’elasticità cutanea è diminuita e quindi non possono essere raggiunti gli stessi risultati ottenibili nelle persone giovani.

COME SI ESEGUE L'INTERVENTO

L’intervento viene effettuato, a seconda dei casi ed in base alla decisione del chirurgo, in anestesia generale (in regime di ricovero ordinario in casa di cura) o in anestesia locale e sedazione (in regime di day surgery).

 

Qualsiasi sia la modalità di anestesia utilizzata, le zone da trattare vengono generalmente infiltrate con quantitativi variabili di liquidi associati ad anestetici locali e sostanze vasocostrittrici prima dell’iniziodella fase di aspirazione.
Vengono praticate incisioni cutanee di alcuni millimetri, ove possibile in sedi occultabili (ad esempio, la piega glutea o quella inguinale), necessarie all’introduzione delle cannule, con cui viene aspirato il tessuto adiposo in eccesso. La lipoaspirazione può avvenire con metodiche diverse:
• tradizionale: cannula collegata a siringa o ad un motore;
• reciprocante: cannula vibrante collegata ad un motore;
• laser: distruzione del tessuto adiposo con sonda laser introdotta nel sottocutaneo e aspirazione;
• ultrasonica: emulsificazione (liquefazione) con sonda ad ultrasuoni introdotta nel sottocutaneo e aspirazione.
Risultati equivalenti possono essere ottenuti con ciascuna metodica, purché impiegata nel modo corretto.
Le incisioni vengono generalmente suturate e si provvede, a seconda dei casi, ad una medicazione contenitiva e/o all’utilizzo di una guaina o di calze elastiche.


La durata dell’intervento dipende dalla quantità di tessuto adiposo da asportare: da un’ora a più ore. Come spesso avviene in Chirurgia Plastica, si tratta di un intervento complesso e non di uniformità routinaria, nel senso che la procedura non è completamente standardizzabile, bensì viene personalizzata sulla base delle caratteristiche individuali.

POST OPERATORIO

Nel corso delle prime ore dopo l’intervento è norma le la perdita di sangue e liquidi dai piccoli fori cutanei. Qualora si verificassero svenimenti, cefalea, profonda spossatezza, è necessario contattare immediatamente il Chirurgo.


Il periodo di riposo da osservare dopo l’intervento è dipendente dalla quantità del tessuto aspirato, dall’estensione e dalla sede delle aree trattate e varia da uno a sette giorni.
In questo periodo è opportuna una graduale ripresa della deambulazione, in quanto favorisce lo smaltimento del gonfiore e limita i rischi di formazione di trombi nelle vene delle gambe. È da evitare, invece, la prolungata stazione eretta senza camminare (ad esempio, stirare, ecc.).
Un rialzo termico è spesso rilevato nei primi giorni post-operatori; non è necessariamente segno d’infezione, ma deve essere segnalato al Chirurgo.


Per i primi 4-5 giorni post-operatori dovrà proseguire l’assunzione di antibiotici, nel caso ciò sia stato prescritto dal Chirurgo. Dovrà essere eseguita, quando il Chirurgo lo riterrà opportuno, una terapia per la prevenzione della tromboembolia da protrarre per qualche settimana.
Un senso di affaticamento è generalmente presente per alcuni giorni nelle liposuzioni più importanti. Nei giorni immediatamente successivi la lipoaspirazione, potranno essere avvertiti fastidi ed indolenzimenti con sensazione di gonfiore in corrispondenza delle zone trattate, in particolare durante l’esecuzione di alcuni movimenti e nella variazione delle posizioni a letto.
La sensazione di gonfiore e moderato dolore si attenueranno nel giro di pochi giorni; in taluni casi l’edema (il gonfiore) può persistere anche per diverse settimane, specie dopo lipoaspirazione a livello di gambe e caviglie.
Dopo 5-10 giorni dall’intervento, vengono rimossi i punti di sutura ed è possibile fare una doccia.
La guaina o le calze elastiche, se prescritte, vengono indossate per circa un mese.

I TEMPI DI RECUPERO

Per alcune settimane dopo l’intervento le regioni trattate possono presentare delle ecchimosi (lividi) ed alterazioni della sensibilità cutanea, che possono persistere anche per alcuni mesi.
Per circa un mese deve essere evitata l’attività fisico sportiva. L’esposizione diretta al sole è consentita solo dopo la completa scomparsa dei lividi.
Su indicazione del Chirurgo, possono essere indicate sedute di massaggio dolce e di linfodrenaggio effettuate da personale specializzato dopo circa 20-30 giorni dall’intervento per favorire un più rapido smaltimento degli edemi (gonfiore).

LE CONSEGUENZE DELL'INTERVENTO

All’intervento residuano cicatrici cutanee della lunghezza di qualche millimetro, collocate per lo più in corrispondenza dei naturali solchi cutanei, ma possono risultare visibili e possono essere corrette con una piccola revisione chirurgica.
Peraltro, taluni/e Pazienti, a causa di una eccessiva reattività cutanea, possono sviluppare cicatrici arrossate o rilevate e perciò facilmente visibili, che durano diversi mesi o sono permanenti (cicatrici ipertrofiche) o cicatrici “allargate” di colore normale (cicatrici ipotrofiche). Si tratta di un’evenienza non prevedibile, seppure di raro riscontro. Cicatrici non estetiche e di cattiva qualità possono essere corrette con trattamento medico o con un intervento dopo un congruo
periodo di tempo (6-12 mesi dall’intervento di riduzione).

I COSTI PER L'INTERVENTO

Se vuoi conoscere il prezzo orientativo per un intervento di Liposuzione in Wellssuite visita la pagina costi