Il percorso nutrizionale più adatto.

Per valutare il percorso nutrizionale più adatto esiste un esame che si chiama bioimpedenziometria; è un esame semplice, assolutamente non invasivo che viene effettuato, da buona parte dei nutrizionisti, mediante macchinario specifico.


L'alimentazione ha un ruolo cruciale nel percorso di salute e prevenzione, per questo abbiamo chiesto alla Dottoressa Carlotta Bolliri un parere come biologa nutrizionista.

Dieta durante il trattamento di criolipolisi | Wellssuite Nutrizione
Percorsi ideali per la nutrizione | Wellssuite Nutrizione

"Non è mai solo questione di peso. Siamo tutti ossessionati dal peso sulla bilancia; quando ci pesiamo il numero che vediamo fornisce una stima indiretta e non dà indicazioni sullo stato di idratazione o sulla massa magra o grassa. Per valutare questi parametri esiste un esame che si chiama bioimpedenziometria; è un esame semplice, assolutamente non invasivo che viene effettuato, da buona parte dei nutrizionisti, mediante macchinario specifico.

Il macchinario legge la 'resistenza' (cioè la capacità di tutte le strutture biologiche di opporsi al passaggio della corrente elettrica) e la 'reattanza' (la forza che si oppone al passaggio di una corrente elettrica a causa di una capacità, cioè di un condensatore rappresentata dalla massa cellulare).

Il nostro organismo è fatto da una buona percentuale di acqua e l'acqua è un buon conduttore di corrente elettrica, mentre il grasso è un buon isolante. L'esame dura pochi minuti, il paziente è sdraiato in posizione supina per una miglior distribuzione dei liquidi corporei con braccia e gambe ben larghe e distaccate. Il passaggio della corrente avviene a bassissima intensità e una certa frequenza (50 KHz) attraverso elettrodi cutanei posizionati su mani e piedi collegati poi al macchinario. Quasi tutti possono effettuare l'esame tranne chi è portatore di pace-maker o neuro-stimolatori, portatori di impianti per l'udito o chi presenta uno stato febbrile.

Attraverso la valutazione della composizione corporea è possibile stabilire il percorso nutrizionale più adatto alle esigenze del paziente ma soprattutto nelle visite di controllo permette di capire se il regime nutrizionale è adeguato."

Dottoressa. Carlotta Bolliri

Biologo nutrizionista




32 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti